Categorie
2020 Delle persone Delle questioni Senza categoria

E quando tutto questo sarà finito…

cronache da un lockdown che ci saremmo tutti evitato volentieri

… quale sarà la prima cosa che farai?  in modo più o meno diversi tutti ci siamo sentiti rivolgere questa domanda in questi giorni bizzarri. Sempre più spesso la ascolteremo e la diremo a qualcuno man mano che si dipanerà questa situazione.

Un viaggio, vado a trovare i miei, un aperitivo in un locale affollato, al cinema, a teatro in spiaggia, le risposte possono essere varie ma hanno due denominatori comuni: uscire/andare e gli altri, l’altro/l’altra in generale, o con un nome preciso e un volto (che ora abbiamo ben presente solo per come ce lo mostra lo smartphone più o meno sgranato durante la videochiamata).

Anche a me l’hanno posta qualche volta in questi giorni e ho risposto senza mai esserne convinto, sia perché il “quando sarà finito tutto questo” è un’incognita, il 4 aprile? il 4 maggio? il settordici a lugliembre? e sia perchè mi mancava un pezzo.

Fino ad oggi

Ho la risposta.

Meglio, ho la domanda precisa che vorrei mi venisse posta.

Quando tutto sarà finito COME farai quello che farai?

Ecco

Lo farò off-line.

Lo farò e non mi servirà un attrezzo di comunicazione per farlo o per dire a qualcuno che lo sto facendo.

Intendiamoci, nessun appello luddista contro le macchine e la tecnologia, Temporelli può stare tranquillo, mi ha illuminato il suo talk a TEDxTorino sull’homo tecnologicus. Quello che stiamo vivendo è reso più leggero dai mille modi che abbiamo per comunicare nonostante le distanze, di lavorare, di mantenersi vivi. Mi auguro che sia un periodo di grandi nutrimenti e apprendimenti proprio legati al web e grazie alla rete stessa, in cui non solo partecipo ad una lezione di un’arte marziale indiana, a meditazioni, a corsi on-line, ma mi è stato anche chiesto di immaginarne e realizzarne io stesso, mettendomi alla prova.

Quel che stiamo provando è una certa overdose.

Tutto (a parte chi ha la fortuna di essere in una casa più popolata) avviene via pc, smartphone tablet tv etc, tutto mediato (d’altronde si chiamano “media”, mèdiano) e allora quello che vorrò fare finito tutto è un gran bel periodo di media detox. Non lunghissimo forse, ma ora come ora direi almeno una settimana piena, dieci giorni, dai.

Fare cose incontrare gente andare toccarsi abbracciarsi (quanto è strano e dissonante in questi giorni vedere fotografie del mese scorso in cui eravamo CON qualcuno, vicini, a brindare ad abbracciarsi stringersi le mani, quanto ci saltano all’occhio queste immagini in film o serie tv. Strano vero?

Ecco vorrei che succedesse di nuovo presto. 

Vorrei avere la lucidità di non postarlo, di non condividere sui media.

Mi convince.

La propongo a tutti la techdetoxweek, funziona no? 

Magari faccio una diretta facebook per lanciarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *