italia

Sogno di una notte di mezza estate parte 2 (e ultima)

Questo post inizia con una frase con mille sospesi (che se fosse una serie tv corrisponderebbe al riassunto delle puntate precedenti) e il 23 giugno, durante la Giornata Mondiale del Rifugiato (spostata dal venti, per Papa e Tiziano Ferro), alla vigilia di San Giovanni, o della festa del solstizio, lo[…]

Leggi tutto »

Sogno di una notte di mezza estate parte 1

Non mi occupo del tema specifico e forse è facile, forse è un alibi. Il lavoro che mi sono scelto è fare il teatro, raccontare, far raccontare. Da non esperto ho in mente un’idea del luogo dove vorrei vivere, semplicistica, sicuramente utopica, banalmente infantile. Un luogo dove la collettività è[…]

Leggi tutto »

Considerazioni sulla Scuola Italiana a partire da un piccolo episodio personale (Parental advisory explicit language)

Con la mia compagnia teatrale abbiamo organizzato un festival, è il terzo anno che lo facciamo, perché abbiamo voglia, ci lavoriamo tanto, ci mettiamo dei soldi che non abbiamo e contiamo di recuperare almeno il costo della SIAE e delle cartoline. con la raccolta a cappello. Quest’anno, d’accordo con la Circoscrizione[…]

Leggi tutto »

Un autobus per gli zingari…

E’ così, ho sempre qualche remora a esprimere riflessioni su argomenti che conosco solo in parte, il rischio di infilarsi in discussioni che coinvolgono tanto la pancia e suscitano solitamente polemiche sterili o risvegliano istinti incontrollabili, di solito mi consiglia di non andare a parlare pubblicamente. Non per altro, forse[…]

Leggi tutto »

La Sardegna (e i sardi ) ci salveranno 3 (ultimo)

…continua Ho conosciuto Roberto Serri L’ultimo pezzo di questo trittico di post dedicati alla Sardegna parla di un incontro breve e magico. Alla fine del viaggio sardo sono capitato a “Su Gologone”. Su Gologone merita una breve digressione: si tratta di un piccolo parco in montagna, non lontano da Oliena,[…]

Leggi tutto »

La Sardegna (e i sardi) ci salveranno 2

Continua… non ci salveranno solo Ginetta e Pietro. Ci salveranno anche quei due ragazzi di cui non ricordo i nome che sono ai piedi della scalinata di santa Chiara a Cagliari. Hanno in gestione due piccoli banchi nel più piccolo mercato civico di Cagliari, per consuetudine il mercato chiude all’ora[…]

Leggi tutto »

La Sardegna (e i sardi) ci salveranno 1

Ho passato una ventina di giorni in Sardegna. Vacanze! Ce n’era bisogno dopo un anno così ricco e prima di un anno che si annuncia ancora più denso e interessante. Non scrivo delle vacanze, non pubblico selfie e immagini istagram di piatti meravigliosi e cocktail ma vorrei condividere una riflessione[…]

Leggi tutto »

Piangere per il teatro

Ho pianto spesso a teatro. Spesso ho visto spettacoli da piangere, per quanto erano belli, o per quanto erano inguardabili, spesso ho dormito. Ma il punto è un altro: ho appena concluso la prima parte di un lavoro incredibile. Con Ivan Andreis (grazie a lui) ho condotto un laboratorio teatrale[…]

Leggi tutto »

caVALLErizza?

Questo è l’appello delle persone che in questi giorni si stanno occupando del tema Cavallerizza. Molti sono amici. Presto, anzi prestissimo, metterò il naso là a capire meglio cosa sta succedendo e a dare una mano, sento molti racconti diversi rispetto a cosa sta succedendo là, forse sarebbe importante che[…]

Leggi tutto »

Piccola lamentazione scurrile. Parental advisory explicit content

Mi sono rotto Mi hanno rotto i narcisisti immobili sul loro divano ammuffito. Mi han rotto gli egocentrici che pensano alla relazione con l’altro solo in una accezione strumentale e di vantaggio, per se stessi. Mi han rotto pressappochisti, i superficiali, quelli che fanno poco ma male, quelli che tanto[…]

Leggi tutto »